Unversità del Molise
Ulteriori prestigiosi incarichi per il Prof. Emanuele Marconi che è stato eletto nel Consiglio di Presidenza e nel Comitato Tecnico Scientifico del Cluster Nazionale Agrifood dall’Assemblea dei Soci che si è svolta a Roma lo scorso 14 dicembre 2017. Una importante opportunità per l’Ateneo del Molise (Centro CERERE) e per la Regione Molise per contribuire alla valorizzazione del sistema agroalimentare regionale e nazionale.
Il nuovo Consiglio di Presidenza del Cluster è infatti composto dal Presidente Luigi Scordamaglia (Presidente di Federalimentare), dal VicePresidente Paolo Bonaretti (Direttore Generale di ASTER) e da altri 5 Consiglieri espressione del mondo industriale, della ricerca e dei territori regionali: Patrizia Brigidi (Università di Bologna), Mauro Fontana (Soremartec – Gruppo Ferrero), Emanuele Marconi (CERERE Molise), Michele Pisante (CREA), Giammarco Urbani (Urbani Tartufi).
Il rinnovo della governance ha previsto anche l’elezione del Comitato Tecnico Scientifico, che con i suoi 15 componenti rappresenta le maggiori eccellenze sul fronte della ricerca ed innovazione a disposizione del Cluster.
Negli organi neo eletti emerge la volontà di valorizzare la multiregionalità del Cluster con il coinvolgimento di esperti del Nord, del Centro e del Mezzogiorno, in particolare dell’Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Molise, Puglia, Piemonte, Sicilia, Tentino Alto Adige, Toscana e Umbria, in una logica di messa in rete delle competenze per rafforzamento del sistema nazionale agroalimentare.
I Cluster Tecnologici Nazionali sono stati promossi dal MIUR allo scopo di generare piattaforme di dialogo permanente tra sistema pubblico della ricerca e imprese coerenti con le priorità di “Horizon 2020”. Oggi rappresentano un’importante infrastruttura intermedia cui sono demandati, dal Piano Nazionale della Ricerca PNR 2015-2020, i compiti di favorire la cooperazione della ricerca pubblica/privata in materia di innovazione e sviluppo tecnologico, di ricostruire politiche nazionali in settori di interesse strategico e di favorire la specializzazione intelligente dei territori.

Di seguito il comunicato stampa di Federalimentare sullo stesso argomento:
http://www.federalimentare.it/new2016/ms_comunicati_det.asp?ID=869