Dottorati di Ricerca

Con il Decreto Ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45Regolamento recante modalità di accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato e criteri per la istituzione dei corsi di dottorato da parte degli enti accreditati”  è stata disposta la riforma dei Dottorati di Ricerca che prevede una nuova procedura di accreditamento da parte del Ministero, basata su criteri quantitativi e qualitativi stabiliti dall’ANVUR.
Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria e prevede la definizione e lo svolgimento di un progetto di ricerca sotto la guida di un Tutor, attraverso programmi di formazione avanzata, approfondimento individuale e periodi di studio e di ricerca all’estero. L’iter formativo si conclude con  la discussione  una tesi elaborata con metodo scientifico e dai contenuti originali.

REQUISITI DI AMMISSIONE

Ai corsi di dottorato, della durata minima di tre anni, possono accedere coloro che sono in possesso di uno dei seguenti titoli:
a) laurea specialistica (D.M. n. 509/1999);
b) laurea magistrale (D.M. n. 270/2004);
c) laurea conseguita secondo gli ordinamenti didattici anteriori alla riforma introdotta con il D.M. n. 509/1999;
d) titolo accademico conseguito all’estero (Master’s Degree o altro titolo equivalente di secondo livello) presso un’istituzione accademica ufficialmente riconosciuta, dichiarato equipollente ad uno dei titoli di cui alle lettere a), b) e c) o comunque valutato idoneo dalla Commissione giudicatrice, in conformità a quanto disposto dall’art. 8, comma 1 del D.M. n. 45 dell’8 febbraio 2013.

AMMISSIONE AI CORSI

L’ammissione ai Corsi di Dottorato di Ricerca avviene mediante concorso pubblico bandito annualmente dall’Università ed è disciplinata dal Decreto Ministeriale 8 febbraio 2013, n. 45 e dal Regolamento in materia di Dottorato di Ricerca, emanato con il Decreto Rettorale del 6 settembre 2018, n. 748/2018.
Il bando è pubblicato integralmente sull’Albo di Ateneo, sulla Gazzetta Ufficiale IV Serie Speciale sotto forma di Avviso dell’avvenuta pubblicazione sul proprio sito istituzionale, sul sito dell’Ateneo dedicato ai Dottorati di Ricerca, su quello del Ministero e sul sito europeo Euraxess.
L’esame di ammissione è per titoli, eventuale presentazione di un progetto di ricerca, da redigere secondo le indicazioni fornite nel bando di accesso ai Corsi di Dottorato e prova orale.
Le prove d’esame sono volte ad accertare l’attitudine del candidato alla ricerca scientifica e la conoscenza di almeno una lingua straniera.

BORSE DI STUDIO

Le borse di studio sono finanziate dal M.I.U.R., dall’Ateneo, e con eventuali risorse provenienti da soggetti esterni, pubblici e privati, anche stranieri.
Esse hanno la durata del Corso di Dottorato di riferimento e sono conferite per il primo anno e confermate previa delibera di ammissione all’anno successivo da parte del Collegio dei Docenti di ciascun Corso.
L’importo annuo della borsa di studio, ai sensi del D.M. n. 40 del 25 gennaio 2018, è fissato dal 1° gennaio 2018 in € 15.343,28 al lordo degli oneri previdenziali, fatti salvi aggiornamenti di legge.
La borsa di studio viene erogata esclusivamente a coloro che non possiedono, nell’anno solare di fruizione della borsa, un reddito annuo lordo superiore all’importo di una annualità di borsa pari a € 15.343,28.
Il superamento del limite di reddito determina la perdita del diritto alla borsa di dottorato per l’anno in cui si è verificato l’evento di reddito incompatibile con la borsa e la conseguente restituzione delle mensilità già percepite. Ai sensi dell’art. 19, comma 4 del vigente Regolamento di Ateneo in materia di Dottorato di Ricerca, per periodi di permanenza all’estero non inferiori a 20 giorni, l’importo della borsa di studio è aumentato nella misura del 50%, fino ad un massimo di 18 mesi nell’arco del triennio del dottorato. Il periodo di studio e di soggiorno all’estero deve essere preventivamente autorizzato dal Coordinatore o dal Collegio dei docenti, per periodi superiori a 6 mesi cumulativi.
Inoltre, a partire dal secondo anno di corso, ai sensi dell’art. 9 del D.M. 45/2013, a ciascun dottorando è assicurato un budget per attività di ricerca in Italia e all’Estero di importo non inferiore al 10% della borsa. Tale budget non è previsto per i borsisti di Stati esteri o beneficiari di sostegno finanziario nell’ambito di specifici programmi di mobilità in relazione a quanto previsto dalla specifica regolamentazione.

BUDGET PER ATTIVITÀ DI RICERCA DOTTORANDI

A tutti i dottorandi a partire dal 2° anno di corso, è assegnato un budget per attività di ricerca di importo pari a € 1.534,33 (art. 9 comma 3 D.M. 45/2013).
Tale budget può essere utilizzato per esigenze congrue con le finalità del Corso di Dottorato, nel rispetto di quanto previsto dai regolamenti vigenti in materia di dottorato nonché dalle norme di contabilità pubblica e dai regolamenti di Ateneo.
Sono esempi di spese ammissibili:

Iscrizioni a congressi e convegni sia in Italia che all’estero
Missioni in Italia e all’estero
• Spese connesse all’iscrizione a summer/winter school o a corsi di formazione
• Materiale di consumo per laboratorio
Materiale inventariabile necessario alle attività del Dottorato (es: piccoli strumenti…)
Testi
Software
Spese sostenute per l’acquisto di materiale bibliografico
Materiale e/o servizi informativi e divulgativi.

La proposta di spesa dovrà essere sempre approvata dal Tutor del Dottorando, autorizzata dal Direttore di Dipartimento, unitamente al Segretario Amministrativo, previa verifica di legittimità e di regolarità amministrativa e contabile.
Tutto il materiale acquistato con il budget per attività di ricerca resterà di proprietà dell’Università.
Sarà possibile accedere al budget annuale solo a seguito del perfezionamento dell’iscrizione del dottorando e comunque non prima dell’inizio dell’anno accademico.

CONSEGUIMENTO DEL TITOLO

Il titolo di dottore di ricerca si consegue con il superamento di un esame finale che consiste nella discussione di una tesi di dottorato anche in lingua straniera.
È possibile fare richiesta per il rilascio del Label Doctor Europaeus qualora siano soddisfatti i requisiti indicati all’art. 34 del vigente Regolamento in materia di Dottorato di Ricerca.

 

Settore Dottorati di Ricerca

Responsabile: dott.ssa Silvia Bartollino

Si riceve previo appuntamento da concordare telefonicamente  o via email:

tel. +39 0874 404893
e-mail: silvia.bartollino@unimol.it