CURRICULUM VITAE di Marco Marchetti
icons

Nato il 16 settembre 1960 a Padova. Coniugato, tre figlie.

Maturità classica (60/60), Roma

Laurea in Scienze Forestali, 1984, Firenze (110/110 con lode)

Residenza: via Prato della Corte, 1602a – 00123 Roma, Italia. Telefono +39 335 1269180

Indirizzo di lavoro: Dipartimento di Bioscienze e Territorio

Università degli Studi del Molise

Contrada Fonte Lappone snc – 86090 Pesche (IS), Italia

tel.: +39-0874404135 – cell.: +39 320 4795710 – fax: +39-0874404123 – e-mail: marchettimarco@unimol.it

 

ATTIVITÁ ACCADEMICA

Attualmente, dal 2013, è Prorettore Vicario dell’Università degli Studi del Molise e Prorettore alla Ricerca e agli Indicatori di Qualità, siede nel Consiglio d’Amministrazione dell’ateneo e, dal 2007, nel Senato Accademico. Partecipa ai lavori della commissione ricerca della CRUI.

E’ membro del Comitato Paritetico di indirizzo UNIMOL – CNR.

2014 Viene nominato coordinatore nazionale del Tavolo tecnico di Coordinamento dei Corsi di studio in Scienze Forestali e Ambientali, nell’ambito della Conferenza Nazionale di Agraria.

2005-2013: Direttore del Dipartimento DISTAT, Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio fino al 2011, eletto nel 2012 Direttore del DiBT, Dipartimento di Bioscienze e Territorio (che ha operato l’integrazione interdisciplinare di componenti didattiche e di ricerca delle Facoltà di Agraria, Scienze, Ingegneria).

2007-2010: Vicepreside della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi del Molise;

2005-2008: Presidente del Consiglio di Corso di laurea specialistica interfacoltà in Scienze e Tecnologie Forestali ed Ambientali.

Dal 2013, XXIX Ciclo, è responsabile del curriculum ecologico-forestale del Dottorato interateneo (con UNITUS e UNIRC) in Scienze, tecnologie e biotecnologie della sostenibilità. 2003-2008: Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio, dal XX ciclo e poi della Scuola di Dottorato in Scienze agro-forestali, delle tecnologie agro-industriali e del territorio rurale, organizzato insieme al Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura – CRA. E’ stato anche Responsabile Scientifico della Scuola di Dottorato internazionale in “Management and conservation issues in changing landscape”.

dal 2005: Professore Ordinario presso l’Università del Molise (DiBT attualmente).

2003-2004: Professore Associato presso il Dip. di Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio, Facoltà di Scienze MM, FF e NN dell’Università del Molise.

2000-2003: Professore Associato presso il Dip. di Colture Arboree della Facoltà di Agraria dell’Università di Palermo.

 

ATTIVITÁ SCIENTIFICA

2009-2014: Chairman del Scientific Advisory Board dell’European Forest Institute (www.efi.int) e Delegato presso l’Unione Nazionale dell’Innovazione Scientifica Forestale (UNIF) di cui è membro del Collegio dei Revisori e vice delegato nazionale alla IUFRO (International Union of Forest Research Organizations).

dal 2008 è membro del Team of SpecialistMonitoring of sustainable forest management” dell’UN-ECE/FAO di Ginevra;

dal 2000 in IUFRO – International Union of Forest Research Organization (www.iufro.org )è stato co-chairman del Working Group 8.07.01 “Key factors in forest biodiversity” dal 2000- 2005 e chairman della unità 4.02.00 “Forest resource assessment and monitoring” dal 2006 al 2014;

dal 2005 è Responsabile Scientifico dei laboratori di ricerca Natural Resources & Environmental Planning e Global Ecology del Dip. di Bioscienze e Territorio (www.ecogeofor.unimol.it ), che riuniscono 27 ricercatori tra personale strutturato e non.

1999-2000: Ricercatore presso la DG Joint Research Centre, Ispra (VA), Agente Ausiliario della Commissione Europea presso lo Space Application Institute

1996-1998: Membro nella Segreteria Tecnico-Scientifica per le Aree Protette del Servizio Conservazione della Natura del Ministero dell’Ambiente, responsabile di Carta della Natura, dell’Elenco Ufficiale delle Aree Protette e Rete Natura2000. Ha partecipato ai processi internazionali della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD).

1987-1993: Membro del Comitato Tecnico Scientifico del Consorzio Italiano per il Telerilevamento in Agricoltura (ITA) per l’attuale MiPAAF, per conto di ITALECO (Gruppo IRI).

1984-1985: Collaboratore alle attività di ricerca della Sezione Genesi, Classificazione e Cartografia del suolo dell’Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo del Ministero dell’Agricoltura e Foreste, Firenze.

 

ATTIVITÁ GESTIONALE

Dal 2014 è Membro del Collegio dei Commissari di Moliseinnovazione srl, Parco Scientifico e Tecnologico (PST) per la ricerca applicata agroalimentare, in partnership pubblico-privata, e Consigliere di Amministrazione di CURSA (Consorzio Universitario, UNIMOL – UNIFE – UNITUS, per la Ricerca Socioeconomica e Ambientale), e dal 2011 di GEOSAT, Consorzio tra Università del Molise, Regione Molise, ASI e Telespazio spa. E’ membro dello steeering commettee del consorzio MOUNTFOR tra università ed enti di ricerca, Project Centre di EFI (European Forest Institute);

dal 2012 è Revisore dei Conti della SISEF – Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale;

dal 2010: membro dell’Organismo Congiunto Consultivo (OCC) per il monitoraggio ambientale dell’area industriale Energonut s.p.a. (Gruppo Hera) di Pozzilli (IS), membro della Consulta Regionale per le Aree Protette della regione Molise e della Commissione per il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio;

2009-2013: Presidente di FSC Italia, organo nazionale di global Forest Stewardship Council;

dal 2008 è membro eletto del Consiglio Accademico dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali (www.aisf.it );

dal 1996 al 2010 è stato consigliere direttivo dell’Associazione Italiana di Telerilevamento – AIT;

dal 2005: Direttore del “Giardino della Flora Appenninica”, Orto Botanico dell’ateneo molisano gestito da un Consorzio tra comune di Capracotta, Regione Molise, Provincia di Isernia e Università degli Studi del Molise, e del Centro Studi di Ateneo sull’Ambiente Appenninico (CSAPP). Membro del Comitato Tecnico del Centro di ricerca di ateneo “Agricoltura Sostenibile e Difesa dell’Ambiente (CASDA)”.

1995-1996: Direttore del Dipartimento “Sviluppo delle Applicazioni Ambientali” di Eurimage, (Società di Telespazio, Gruppo Finmeccannica) concessionario unico europeo di ESA (European Space Agency), consorzio europeo per la ricerca applicata sul telerilevamento spaziale per l’osservazione della terra, Roma.

1985-1995: presso Italeco (Gruppo IRI) di Roma, tecnologo prima e capo progetto dal 1989. Ha operato all’interno dei progetti di innovazione e sviluppo tecnologico del Ministero Agricoltura e Foreste (Schedari Oleicolo e Viticolo, Consorzio per il Telerilevamento in Agricoltura, Carta Forestale d’Italia) e per consulenza tecnico scientifica a World Bank, CE, FAO e MAE per progetti di sviluppo agricolo in numerosi PVS.

 

ATTIVITÁ DI VALUTAZIONE

Dal 1995 svolge attività di valutazione di progetti di ricerca con interesse nazionale e internazionale.

Dal 1996 è stato più volte chiamato come Esperto Scientifico della DG Research nelle commissioni di valutazione dei progetti di ricerca per i Programmi Quadro.

Nel 2004 è stato valutatore del progetto europeo EU Forest Types per l’EEA – European Environment Agency

Nel 2012 è stato nominato nella Lista dei Revisori per la “VQR 2004-2010 – GEV 07” dell’ANVUR per la valutazione della qualità della ricerca di atenei ed enti di ricerca e dal 2011 fa parte dell’albo degli Esperti curato dal MIUR per i programmi di ricerca, occupandosi quindi, tra l’altro della valutazione dei PRIN, dei Progetti dedicati ai giovani ricercatori “Futuro in ricerca”, del programma per Giovani Ricercatori Rita Levi Montalcini.

Nel 2013 è stato nominato come Expert nel COST Domain “Forests, their Products and Services – (FPS)”.

Dal 2013 è External Reviewer per World Forest Institute dell’Università di Amburgo, per Swedish Agricoltural University (SLU), per la Faculty of Environmental Engineering and Food Sciences, Valahia University of Targoviste, (Romania), per Hungarian Scientific Research Fund (OTKA), e per i progetti FORESTERRA e SUMFOREST del programma ERA-NET,

Nel 2009 è stato cooptato nel SAB di EFI, occupandosi dapprima della valutazione periodica dei programmi di ricerca e delle strutture dei Regional Offices, e poi della valutazione scientifica periodica di tutte le attività dell’Istituto (Chairman 2012-2014).

Nel 2014 è stato nominato Coordinatore Nazionale del Tavolo Tecnico di Coordinamento dei Corsi di studio universitari in Scienze Forestali e Ambientali nell’ambito della Conferenza Nazionale di Agraria.

 

MEMBRO DI COMMISSIONI DI VALUTAZIONE E DI CONCORSO

Dal 1999 è stato per varie volte Membro effettivo nelle Commissioni per esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di Dottore Agronomo e di Dottore Forestale, presso l’Università degli Studi della Tuscia, di Palermo e del Molise.

Dal 2001 ha partecipato a numerose Commissioni, anche in qualità di segretario o presidente, nei concorsi per progetti di ricerca, borse di studio, assegni di ricerca e dottorato di ricerca per CNR, CRA e vari atenei (LUB Bolzano, Tuscia, Roma Sapienza, Basilicata, Molise, Mediterranea, Palermo, Padova, Torino, Firenze, Sassari), e dal 2005 è stato membro di numerose commissioni di valutazione comparativa per sperimentatore, tecnologo, dirigente di ricerca e direttore presso CNR e CRA e ricercatore e professore di I e II fascia presso numerosi atenei, italiani e stranieri.

 

INCARICHI DI DIREZIONE IN STRUTTURE DI RICERCA COMPLESSE

Dal 2007 al 2012 è stato Direttore di Dip. di Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio, Facoltà di Scienze MMFFNN dell’Università del Molise. Nel maggio del 2012 è stato eletto Direttore del Dip. di Bioscienze e Territorio, e ha gestito tutta la fase di riforma seguita alla L.240/2010 con il riordino di Dipartimenti e Facoltà. In qualità di Direttore ha guidato una struttura universitaria composta di 5 unità di ricerca: Biologia, Ingegneria, Natura- Ambiente-Foreste, Paesaggio-Economia-Pianificazione e Fisica-Informatica-Matematica, articolata su 38 laboratori in cui operavano più di 70 afferenti strutturati appartenenti a 7 macroaree e numerosissimi SSD.

 

Come Coordinatore dei Dottorati di Ricerca prima in Ambiente e Territorio (dal XX ciclo), e poi in Scienze agro-forestali, delle tecnologie agro-industriali e del territorio rurale, si è occupato della predisposizione dei programmi di studio e di seminari specialistici della Scuola di dottorato, dell’elaborazione dei piani di ricerca dei dottorandi, della loro valutazione e verifica periodica e di seguire la corretta predisposizione delle dissertazioni di dottorato prima dell’ammissione all’esame finale. E’ stato anche Responsabile Scientifico della Scuola di Dottorato internazionale, quadriennale, in “Management and conservation issues in changing landscape”, tra l’Università del Molise, l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, l’Università della Tuscia, l’Università di Zara (Croazia), l’Università di Sarajevo (Bosnia – Erzegovina) e l’Università Nazionale di Cordoba Argentina). Nel 2013 ha infine promosso e costituito, in collaborazione con colleghi degli Atenei della Tuscia e dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, il Corso di Dottorato Interateneo in “Scienze e Tecnologie e Biotecnologie nella Sostenibilità” che, articolato su tre curricula, conta più di 60 docenti e finanzia numerose borse di studio anche grazie a contratti di ricerca dell’Unione Europea e con convenzioni esterne.

 

Chairman del Scientific Advisory Board di European Forest Institute (EFI), eletto nel 2012 (membro dal 2009) fino al 2014 è stato a capo della struttura scientifica dell’organizzazione internazionale, ratificata da 25 stati europei e 36 paesi partecipanti, con 130 organizzazioni di ricerca forestali aderenti, che opera nella ricerca forestale a livello continentale sia negli approfondimenti scientifici che nel supporto ai processi decisionali, in particolare alla CE e a livello mondiale. Come SAB Chairman ha avuto l’importante compito di assicurare la qualità scientifica agli organi dell’Istituto sulle ricerche, le strategie e il networking, nonché di riportare al Board per la programmazione e il monitoraggio delle attività di ricerca, lo stimolare nuove iniziative e soprattutto per la valutazione periodica interna ed esterna delle strutture. Nel gennaio del 2013 ha promosso e favorito la costituzione del primo Project Centre con sede in Italia: MOUNTFORPreserving and Enhancing the Multifunctionaliy of Mountain Forest. Fa parte dello Steering Committee assieme ai rappresentanti di BOKU (Vienna), UNITUS, UNIMOL, UNIBZ, UNITN, CNR, CRA, Fondazione Edmund Mach (sede).

 

In qualità di Presidente di FSC-Italia (dal 2008 al 2013), è stato responsabile legale e coordinatore di numerose attività legate alla mission di questa ONG nazionale coordinata con Forest Stewardship Council Internazionale (Bonn, Germania). ONG globale indipendente e senza scopo di lucro, che include tra i suoi membri gruppi ambientalisti e sociali, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno, scienziati e tecnici che operano per la gestione sostenibile delle foreste di tutto il mondo, attraverso un sistema di certificazione volontario e di parte terza.

 

ASSOCIAZIONI E SOCIETA’ SCIENTIFICHE Nazionali e Internazionali

Nel 2014 è stato eletto come membro nell’Advisory Group del EU ERANET SUMFOREST-project del European Forest Institute (EFI).

Nel 2013 è stato eletto International Fellow (U-581) della Swedish Royal Academy of Forestry and Agriculture.

Dal 2011 è Iscritto nell’elenco degli esperti di CRA, FORMEZ e INEA;

Dal 2009 è co-delegato nazionale IUFRO .

Nel 2006 ha partecipato al Comitato di esperti costituito dalla Commissione Europea presso la DG Agri per la redazione dell’EU Forest Action Plan e al Gruppo di Lavoro su Foreste e cambiamento climatico, attivato dal MiPAAF per la Programmazione 2007/2013 del Piano Strategico Nazionale per lo Sviluppo Rurale;

è stato Session Leader del Comitato Scientifico del III Congresso Nazionale di Selvicoltura e del Consiglio di Indirizzo Scientifico della Fondazione per la Biodiversità ONLUS “Systema Naturae”;

Dal 2004 al 2007 è stato eletto nello Steering Committee di ENFIN (European National Forest Inventory Network); Coordinatore del Gruppo di lavoro “Forest Types” per il MCPFE, in qualità di esperto nazionale e consulente dell’Advisory Group;

Dal 2000 è socio, ordinario dal 2006, dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali (AISF)

Dal 2007 al 2009 membro del Comitato Scientifico di ASITA (Federazione delle Associazioni Scientifiche Italiane per le Informazioni Territoriali e Ambientali).

Dal 1994 partecipa alle attività di ricerca dell’EEA, come Esperto Scientifico ed è Consulente Scientifico di Geolab-Laboratorio di Geomatica dell’Università di Firenze.

 

É socio di:

Società Botanica Italiana

Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale

Associazione Italiana Dottori in Scienze Forestali, membro del Consiglio Direttivo Nazionale

Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Roma (iscritto al n.1123)

Associazione Italiana di Telerilevamento (e ASITA)

Club Alpino Italiano

 

ATTIVITÁ DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Per la realizzazione della terza missione relativa al trasferimento tecnologico delle conoscenze scientifiche ha fatto parte del Comitato spin off dell’ateneo del Molise dal 2006 al 2011 e promosso la costituzione di 3 Spin Off accademici:

2006-2012 – Forest Labcentre S.r.l. Spin Off accademico Università del Molise, membro del Consiglio di Amministrazione.

2010 – ETIFOR S.r.l. Spin Off Accademico dell’Università di Padova, Rappresentante di UNIMOL nell’Assemblea dei Soci.

2011 – CSIG S.r.l. Spin Off Accademico dell’Università del Molise, Consorzio di Società Spin Off di UNIMOL (Forest Labcentre), UNITUS (BIOFOR_Italy), CRA (F360), di cui è Presidente.

Dal 2007 è socio e Consigliere di Amministrazione di Casale Vecchio srl, Fattoria Biologica e Sociale che opera a Roma e aderisce alla Rete delle Fattorie Sociali in cooperazione con il mondo del volontariato e dell’associazionismo, nel quale ha sempre operato.

Ha inoltre svolto attività di studio, indagine e consulenza per diversi Enti pubblici e privati in applicazione dei risultati delle ricerche scientifiche.

 

PUBBLICAZIONI, RIVISTE SCIENTIFICHE E ATTIVITA’ EDITORIALI

É autore di oltre 500 pubblicazioni tra cui: circa 200 articoli su riviste peer reviewed (h-index SCOPUS attualmente pari a 15), 23 monografie e trattati scientifici, 80 contributi in volumi, oltre ad atti di congressi e conferenze, cartografie, attività di curatela, editoriale e contributi in riviste tecniche e divulgative (http://www.ecogeofor.unimol.it/index.php/it/mmarchetti ). Il contributo scientifico si caratterizza per la forte interdisciplinarietà e trasversalità delle ricerche, che integrano temi, contributi e punti di vista differenti sulle problematiche forestali, ambientali e di suo del suolo tramite tecnologie avanzate di monitoraggio e pianificazione.

Svolge attività di revisione scientifica per numerose riviste scientifiche italiane e internazionali:

Canadian Journal for Forest Research, Annals of Forest Science, Forest Ecology and Management, iForest, Forest@, Italian Journal of Forests and Mountain environments, Annals of Silvicultural Research, International Journal of Forestry Research, Forests, Land Use Planning;Tree Physiology, Annual research and review in Biology, Informatore botanico italiano, Annali di Botanica. Plant Biosystem, Journal of Ecology and Natural Environment;

Remote Sensing of Environment, European Journal of Remote Sensing, IEEE Journal of Selected Topics in Applied Earth Observations and Remote Sensing, Geoscience and Remote Sensing Letters; Rendiconti lincei di Scienze Fisiche e Naturali; Transactions of the Royal Society of South Africa; Annual Research & Review in Biology;Land use policy, Carbon Balance and Management, Environmental Monitoring and Assessment; Remote Sensing Open Access.

 

Dal 2007 (vol. n. 39) è fondatore e Editor in Chief di European Journal of Remote Sensing (fino al 2007 Rivista Italiana di Telerilevamento – Italian Journal of Remote Sensing).

É Associate Editor di:

EFI-News

European Journal of Forest Research;

Plant Biosystem;

iForest

Journal of Agriculture and Environment for International Development (Istituto Agronomico per l’Oltremare),

L’Italia Forestale Montana (Italian Journal of Forest and Mountain Environments)

Annals of Silvicultural Research

Annali di Botanica- Coenology and Plant Ecology

Remote Sensing – Open access

 

INCARICHI DI COORDINAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA

Ha realizzato una considerevole attività scientifica, caratterizzata da continuità temporale e transdisciplinarietà dimostrando grande esperienza di coordinamento della ricerca e attenzione all’innovazione e all’opportunità di cogliere le ricadute operative delle applicazioni. Si è da sempre occupato di applicare l’innovazione tecnologica nell’analisi dei sistemi agricoli, forestali, ecologici e ambientali, nel monitoraggio delle risorse e ha affrontato linee di ricerca complessivamente riconducibili alla pianificazione, nella più vasta accezione. Di seguito vengono riportate le principali attività di ricerca nelle quali ha svolto ruoli di coordinamento e/o responsabilità scientifica, organizzate per ente di ricerca presso i quali ha operato.

 

  1. Dal 2003 coordina ed è responsabile scientifico di progetti di ricerca svolti dall’attuale Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell’Università del Molise tra cui:

In ambito internazionale, come Membro di Working Groups (WG) o Management Committees (MC) in COST ACTIONs:

  • WG COST Action ES1203 Enhancing the resilience capacity of SENSitive mountain FORest ecosystems under environmental change (SENSFOR); (2012-2016);
  • MC COST Actions FP1201 Forest LAnd Ownership Changes in Europe: Significance for Management And Policy (FACESMAP); (2012-2016)
  • Working Group 3 della COST Actions FP0701 Post Fire Forest Management in Southern Europe; (2009-2012)
  • MC COST Actions FP0703 Expected Climate Change and Options for European Silviculture (ECHOES); (2009-2012).
  • MC COST Action E43 Harmonisation of National Forest Inventories in Europe: Techniques for Common Reporting; (2006-2010). In questo ambito è stato anche membro dello Steering Committee di ENFIN -European National Forest Inventory Network.
  • Working Group 2 della COST Actions E27 PROtected FORest areas in Europe – analysis and harmonization- PROFOR (2002-2006).
  • WG Concerted action BIOPLATFORM, per la creazione di un forum elettronico di discussione specialistica per la messa a punto di temi di ricerca innovativi sulla biodiversità per il prossimo FPVI della CE (2002-2006).
  • MC Concerted action BIOFORUM gestione del territorio e risoluzione dei conflitti sulla conservazione (2002-2004).
  • MC Concerted action BEAR – Indicators for Monitoring and Evaluation of Forest Biodiversity in Europe (1999-2000).

Progetti LIFE, Responsabile e Coordinatore di unità operative:

  • LIFE FAGUS, LIFE11 NAT/IT/000135 Forests of the Apennines: Good practices to coniugate Use and Sustainability. http://www.fagus-life-project.eu/it/.
  • LIFE09 ENV/IT000078 ManFor C.BD http://www.manfor.eu/actions.html (2011-2016).
  • LIFE+ DINAMO – LIFE08 NAT/IT/000324 – http://www.life-dinamo.it/ (2008-2012).
  • LIFE della Direzione Conservazione della Natura del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio: Verifica della Rete Natura 2000 e modelli di gestione ed è stato il coordinatore del progetto Definizione di linee guida di gestione per le risorse agrosilvopastorali nei Parchi Nazionali (2000-2004).

Project Leader e Management committee nell’ambito di progetti dei Programmi Quadro Europei:

 

Coordinatore di altri progetti internazionali come:

  • Programma Comunitario INTERREG IIIA – Transfrontaliero Adriatico – Progetto E.CO.LOC. con Enti e le Istituzioni della Serbia, 2008.
  • GRINFOMED+MEDIFIRE Elaboration et mise en œuvre d’un programme commun entre les acteurs locaux des regions de l’arc mediterraneen occidental en matiere de prediction et de prevention des grands incendies forestiers. + Systèmes et procédures d’évaluation territoriale finalisés à la “lutte intégrée” contre les incendies de forêts. (con APAT, in the Programme INTERREG IIIB – Dip. STAT)
  • Forest Spatial Pattern: Linking and harmonizing the forests spatial pattern analyses at European, national and regional scales for a better characterization of the forests vulnerability and resilience (Joint Research Centre, EC, Institute for Environment and Sustainability, 2007).
  • Clear cut maps for Mediterranean Coppice – GSE FM, Forest Monitoring for Sustainable Forest Management; (Telespazio-GAF, ESA, Dip. STAT) (2000-2006).
  • Forest fragmentation and Structural Diversity indices – GSE FM, Forest Monitoring for Sustainable Forest Management; (Telespazio-GAF, ESA, Dip. STAT); (2000-2006).
  • Proposal for a harmonized methodology to assess socio-economic damages from forest fires in Europe; (Joint Research Centre, Dip. STAT) (2007).
  • Corine Land Cover 2006, 2010 e 2102; con ISPRA per EEA, nel programma “GMES fast track service on land monitoring – implementation plan” (2006- 2015).
  • Team leader di AISF nel progetto “NEFIS- Network for a European Forest Information System”, azione di ricerca europea promossa dall’EFI su finanziamento della DG AGRI della CE (2002).

 

Altri progetti a livello nazionale

  • “Gli alberi e le foreste italiane, SINK di carbonio e di biodiversità per la riduzione e il miglioramento della qualità ambientale”, con Università del Molise e MATTM.
  • “Piano Agrienergetico della Regione Molise”, Università del Molise.
  • “Lidar Earth Observation by UAV (LEO-UAV)” per MISE.
  • “Analisi preliminari su popolamenti di Fagus sylvatica e Pinus mugo nell’ambito del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi: dendrocronologia e fitosociologia”, Università degli Studi del Molise, PN delle Dolomiti Bellunesi.
  • “Studio, Realizzazione e gestione di un Catasto Incendi Boschivi”, con Regione Molise.
  • “Redazione del Piano di Gestione della Foresta Demaniale Regionale Pennataro nel comune di Vastogirardi”, Regione Molise.
  • “Tutela della Biodiversità e recupero post-incendio nelle aree forestali delle regioni dell’obiettivo 1” con Università della Tuscia (DISAFRI).
  • “Identificazione e definizione preliminare di foresta vetusta valida per l’Italia”, con Università La Sapienza-Centro Interuniversitario di Ricerca “Biodiversità, Fitosociologia ed Ecologia del Paesaggio”.
  • “Attivazione della Rete di Biomonitoraggio della Qualità dell’Aria della Regione Umbria con l’IBI (Indice di Biodiversità lichenica)” con Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell’Umbria.
  • “Studi preliminari per la valorizzazione dei SIC”, con Università degli Studi del Molise l’agenzia di Sviluppo Locale MOLI.G.A.L
  • “Carta Forestale Sperimentale della Regione Abruzzo 1:10.000”, per l’individuazione delle tipologie forestali regionali.
  • Accordo di Programma Quadro tra Regione Molise-UNIMOL-Consiglio per le Ricerche in Agricoltura, per il quale è stato anche il membro del Comitato Scientifico. I progetti di ricerca del programma sono stati: “Tipi forestali regionali” e “Realizzazione della carta forestale regionale” per l’individuazione con Università degli Studi del Molise e Regione Molise. “L’individuazione preliminare delle zone geografiche di raccolta tartufi nelle province di Campobasso e Isernia” con Regione Molise.

 

Responsabile Scientifico, di progetti PRIN:

  • Responsabile scientifico dell’unità di ricerca del programma “CARBOTREES – Strategie nazionali per la mitigazione dei Cambiamenti Climatici in sistemi arborei agrari e forestali” (2013-2016).
  • Responsabile scientifico dell’unità di ricerca del programma “Analisi genetico-molecolari, fisiologiche, e colturali per la selezione e la gestione di Salecaceae utilizzabili nel fitorimedio” (2009-2012).
  • Responsabile scientifico dell’unità di ricerca del programma “Valutazione delle potenzialità di prelievo di biomasse forestali in boschi dell’Appennino Molisano: modelli di ottimizzazione gestionale ambientale ed economica mediante Sistema Informativo Territoriale” (2006-2008).
  • Ha partecipato al programma di ricerca “Tecniche innovative di rimboschimento in ambienti mediterranei aridi e semiaridi e monitoraggio dei frangiventi” responsabile scientifico G. Barbera (2000-2002).

 

  1. Per European Forest Institute ha partecipato in qualità di coordinatore ai progetti:
  • Forest Fire Statistics for the Second Pan-European State of the Environment (DOBRIS+3) Report, con EFI e EEA (European Environmental Agency) per l’Indicatore 8.17: Nature and Biodiversity.
  • FMERS I – Forest Monitoring in Europe using Remote Sensing, con EFI – European Forest Institute (Joensuu, Finlandia) e lo Space Application Institute del Joint Research Centre di Ispra (VA), in qualità di country expert per l’Italia (1998-1999).
  • Programmi specifici di ricerca della DG VI relativi agli incendi forestali e al monitoraggio dello stato fitosanitario delle foreste per i Regg. CEE 1091 e 3158: in particolare TRANSITALIA, progetto di ricerca con il Centro Interregionale sulla valutazione dello stato fitosanitario dei boschi dell’Appennino e delle isole (1996-1998).
  • EFICS – European Forest Information and Communication System, per CE, DG VI: referente scientifico per l’Italia, regional group leader dei paesi mediterranei e membro del new technology research group (1996-1998).
  • Design a System of Nomenclature, con EFI, Regional Group Leader per l’area Mediterranea e membro del Remote Sensing Team, nell’ambito della Foundation Action n. 3 del progetto FIRS (Forest Information from Remote Sensing) del Joint Research Centre per DG VI (1995-1997).

 

  1. Per AISF, Accademia Italiana di Scienze Forestali è stato coordinatore di:
  • FORESTBiota, Forest Focus Program (2003-2005)
  • Study on impacts of climate change on European forests and options for adaptation (DG Agriculture and Rural Development, con European Forest Institute (2004).
  • Developing methods for measuring forest biodiversity – DMMD; Leader del progetto nel consorzio europeo guidato dall’Università di Umea (SW) (UE JRC) (2000-2001).
  • Use of National Forest Inventories to downscale European forest diversity spatial information in five test areas covering different geo-physical and geo-botanical conditions; (Joint Research Centre, EC, Institute for Environment and Sustainability).
  • European forest types for biodiversity assessment – a user guide       (EEA-AISF, 2004)
  • Network for a European Forest Information Service- NEFIS (EFI-AISF, 2003-2005).
  • GEOBIRD – The retrieval of Geo- and Bio-physical information from remote sensing data; con VTT Automation Research and Technology (Finlandia) e European Space Agency, come country expert per l’Italia (1998).
  • Ha partecipato al progetto “Indicatori di biodiversità e di dinamica evolutiva nelle foreste del Veneto” (coordinata da R. Del Favero) (1999-2000).
  • Ha coordinato l’attività di cartografia e inventario delle aree d’indagine previste nel progetto “Ricognizione a Livello Nazionale del Sistema delle Zone Umide: Linee Guida per la Tipizzazione, la Valutazione di Qualità Ambientale e la Gestione di Piani di Monitoraggio” (Università di Ferrara-MATTM).
  • Ha partecipato al “Progetto pilota di Inventario Forestale Regionale della Regione Abruzzo” con ISAFA – Istituto Sperimentale per l’Assestamento Forestale e l’Alpicoltura.

Coordinatore degli aspetti forestali di “Prevenzione incendi e interventi di recupero nelle aree percorse dal fuoco: definizioni, metodologie e prospettive per linee guida alle regioni” e “Il Sistema Biodiversità In Italia: Stato delle conoscenze sulla biodiversità in Italia” (responsabile scientifico, Prof C.Blasi), per le Società Botanica Italiana, Direzione Conservazione della Natura del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.

 

  1. Per il Dipartimento di Colture Arboree dell’Università di Palermo (2001-2003) è stato responsabile scientifico di:
  • “Detenzione ed analisi dei processi di rinaturalizzazione dei rimboschimenti di pini mediterranei e di ex coltivi, costieri e delle isole minori” (progetto MURST).
  • “Modelli di arboricoltura da legno sostenibile nell’Italia Meridionale, per le piantagioni di Eucalipto e pino della Sicilia” (POM MARBOLEG).
  • “Rinaturalizzazione delle pinete mediterranee” (POM SISFOR).
  • “Biodiversità ed Ecosistemi”, Progetto Strategico del CNR.
  • “Gestione delle riserve naturali siciliane: la Sughereta di Niscemi e il bosco della Ficuzza”, per il Dipartimento Azienda Regionale delle Foreste Siciliana.
  • “Sistema Informativo Forestale Regionale, Carta e Inventario Forestale” per la Regione Sicilia.

 

  1. Nel 1996-97 ha collaborato, con il ruolo di coordinatore di unità operativa del DISTAF dell’Università di Firenze e con l’Università La Sapienza, Direzione per la Conservazione della Natura del MATTM e CNR, nella stesura del Completamento delle Conoscenze Naturalistiche di Base per il territorio nazionale in scala 1:250.000, Per MiPAF – ex ASFD, 1994 ha curato il programma di riconversione bio-ecologica delle aziende agrozootecniche e faunistiche del CFS. Per la Regione Lazio (1993-1995) è stato coordinatore e di progetti tra cui: il Censimento dei Biotopi meritevoli di interesse, i Piani di assetto in aree protette, e la Valorizzazione delle risorse agro- forestali della montagna appenninica. Per conto dell’amministrazione forestale della Regione Veneto ha curato e coordinato lo studio relativo alla Carta dei Sistemi di Terre, commissionato dal Dipartimento regionale dell’Economia Montana e delle Foreste e una ricerca operativa sui modelli di combustibile per la pianificazione antincendio.

 

  1. Dal 1985 al 1995 ha partecipato (con ITALECO) a studi e ricerche come ricercatore e come responsabile. In particolare: per l’allora Ministero dell’Agricoltura e Foresta ha curato e coordinato le attività per la definizione dell’inventario e previsione di produzione per le principali colture erbacee tramite indagini di campo e dati telerilevati, nell’ambito dei progetti AGRIT. Per il Dipartimento della Protezione Civile, nel 1990 ha curato e definito un Sistema Informativo per i rischi di incendio a livello nazionale. Per AIMA ha partecipato alla definizione degli Schedari Oleicolo e Viticolo (1986-1992). Per ISTAT, ha collaborato alle attività di analisi a supporto del IV Censimento dell’Agricoltura, e, in collaborazione con Eurostat ha coordinato il progetto pilota “GIS for environmental statistics” di Carta di uso del suolo 1:25.000 a fini statistici, nonché la definizione e la messa a punto di un nuovo sistema di inventario speditivo delle risorse agricole e forestali, nell’area test di Arezzo.

 

  1. Per l’Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo ha svolto attività di ricerca come sulla genesi, classificazione, cartografia e uso dei suoli sui substrati vulcanici, coordinando i rilievi di campo in diverse aree del paese.

 

ATTIVITÁ DIDATTICA

Attualmente è titolare del corso di PIANIFICAZIONE FORESTALE nel Corso di Studi LM in Scienze Forestali e Ambientali dell’Università del Molise. Dal 1995 ha svolto attività didattica universitaria presso gli atenei del Molise, di Palermo e “Sapienza” di Roma per diversi insegnamenti curriculari di:

Rilevamento e Pianificazione Forestale

Fondamenti di Analisi dei Sistemi Ecologici Ambientale

Ecologia

Cantieri e Sistemi Forestali

Pianificazione Ecologica del Territorio agricolo

Fondamenti di Valutazione d’Impatto Ambientale

Selvicoltura

Inventari forestali

Analisi del territorio e interventi forestali

Ecologia e Pianificazione delle risorse forestali

Conservazione delle risorse naturali e forestali

Assestamento Forestale e Selvicoltura,

Utilizzazioni forestali e sistemi selvicolturali

Aree Protette e Reti Ecologiche

 

Inoltre segue numerosissimi studenti nella preparazione delle Tesi di Laurea e Laurea Magistrale, nonché numerosi dottorandi nazionali e internazionali nel loro percorso formativo.

E’ stato docente e coordinatore di master di I e II livello presso vari atenei italiani e organismi erogatori di terzo livello della formazione post lauream.