Prorettore vicario

Prof. Guido Gili, Ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi

Guido Gili è professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi (SSD SPS/08) e prorettore vicario nell’Università degli Studi del Molise. In precedenza è stato direttore del Centro Ricerca e Servizio di Ateneo per la Formazione (1998-2002), preside della Facoltà di Scienze Umane e Sociali (2002-2009) e coordinatore del Dottorato di ricerca in Sociologia e ricerca sociale (2004-2011). Ha anche insegnato nelle Università di Bologna (1993-1998), Macerata (2004-2008) e LUISS “Guido Carli” di Roma (2008-2014). Attualmente è professore invitato presso le Pontificie Università Gregoriana e della Santa Croce.

È presidente della Società Scientifica Italiana “Sociologia, Cultura, Comunicazione” (SISCC), che riunisce i professori ordinari del settore disciplinare che comprende la sociologia della conoscenza, della cultura, dell’educazione, della comunicazione e dei media, della famiglia, della religione e dell’arte (www.ssi-scc.it). Fa parte dei comitati scientifici di collane editoriali, di riviste di sociologia, linguistica e comunicazione italiane e internazionali e di centri di ricerca e fondazioni:  il Network di Studi relazionali in Sociologia, il Centre for Media and Democratic Innovations (LUISS – Guido Carli, Roma), il Centro di ricerca per l’educazione attraverso l’arte e la mediazione del patrimonio culturale sul territorio e nei musei (Università Cattolica di Milano), la Fondazione Universitaria San Pellegrino (FUSP). Ha collaborato come editorialista con vari giornali nazionali ed è stato consigliere di amministrazione del quotidiano Avvenire (2013-2016).

I suoi principali interessi di ricerca riguardano la teoria della comunicazione, la sociologia dei media e la sociologia dell’educazione. In particolare nei suoi studi ha approfondito i concetti di credibilità, manipolazione e post-verità, le teorie della società di massa, le trasformazioni della sfera pubblica e l’ecologia dei media.

Tra le sue pubblicazioni: La manipolazione: peccato originale dei media?, FrancoAngeli 2001; La credibilità: Quando e perché la comunicazione ha successo, Rubbettino 2005;  La violenza televisiva, Carocci 2006; La ricerca sull’audience (con Emiliana De Blasio, Matthew Hibberd e Michele Sorice), Hoepli 2007; Comunicazione, cultura, società. L’approccio sociologico alla relazione comunicativa (con Fausto Colombo), La Scuola 2013; Chi ha paura della post-verità? Effetti collaterali di una parabola culturale (con Giovanni Maddalena), Marietti 2017.